La sterile polemica dei sacchetti ortofrutticoli

La sterile polemica dei sacchetti ortofrutticoli

La sterile polemica dei sacchetti ortofrutticoli

Inizia il nuovo anno e con lui iniziano le riforme e le polemiche.
Quella che sta interessando la maggior parte del popolo consumatore in questi giorni è la discussione riguardante i bioshopper, sacchetti biodegradabili e compostabili. I comuni sacchetti di plastica che utilizziamo per frutta e verdura dal 1 Gennaio 2018, infatti, saranno a pagamento e costeranno circa 2 centesimi.
Le polemiche si sono scatenate contro una “tassa occulta che favorisce il monopolio di Novamont” ,azienda di Novara e leader nel settore, guidata da una manager vicina a Matteo Renzi, Catia Bastioli. A questa azienda si deve l’invenzione di Mater-Bi, famiglia di bioplastiche biodegradabili e compostabili. A sua difesa l’azienda sostiene che in Italia ci sono oltre un centinaio di aziende produttrici di biopolimeri innovativi.

L’associazione ambientalista di Legambiente però spiega che i cittadini da sempre pagano in modo invisibile gli imballaggi che acquistano con i prodotti alimentari, l’unica innovazione è che dal 1 Gennaio il costo sarà visibile sullo scontrino.

Gli escamotage, soprattutto sui social network, non si sono fatti attendere: c’è chi ha postato la spesa di mele prezzate una ad una, minacciando di tornare il giorno dopo a prendere le noci..

Al contrario molta gente sostiene ed appoggia la nuova misura e attacca i critici. I sacchetti riciclabili a pagamento vengono visti come un sacrificio irrisorio a fronte di un vantaggio ambientale innegabile. Chi invece non volesse spendere i 2 centesimi ogni qualvolta va a fare la spesa ha anche un’alternativa: una borsa di rete fatta in materiale plastico, corda o cotone biologico già usata in altri paesi.

Il problema dei sacchetti monouso fondamentalmente è risolvibile con una circolare ministeriale, prendendo esempio dal Nord Europa dove è già consolidato l’utilizzo di retine riutilizzabili al cui interno vengono messi tutti i prodotti ortofrutticoli e, all’esterno, possono essere attaccate le etichette con prezzi di tutti prodotti pesati.

La polemica ormai sta sfociando nel ridicolo, puntualizzando sui 2 centesimi in più che le famiglie devono pagare per fare la spesa e, come sostiene la Legambiente, non riflettendo sul vero problema dell’inquinamento ambientale. Il popolo italiano non riesce a vedere la riforma come un metodo per combatterlo riducendo almeno l’utilizzo dei sacchetti.

Dovremmo concentrarci forse su altri aumenti introdotti nel 2018 che graveranno significativamente sulle tasche degli italiani.

Torna su