PICCOLE IMPRESE E SOSTENIBILITA’… CONVIENE?

La definizione di Piccola Impresa è contenuta nella Raccomandazione n. 2003/361/Ce della Commissione Europea del 6 maggio 2003 relativa a “micro, piccole e medie imprese”. Si considera impresa “ogni entità che eserciti un’attività economica […]”. Tra queste, anche quelle che: esercitano un’attività artigianale/attività a titolo individuale o familiare e le società di persone o le associazioni che esercitino un’attività economica”. In particolare, la Piccola Impresa ha meno di 50 dipendenti ed un fatturato annuo/totale di bilancio annuo non superiore a 2 milioni di euro. Oggi il tema della sostenibilità è sempre più importante.

Nel 2020  solo un’azienda su tre ha preso in considerazione i prodotti di finanza sostenibile. Meno del 30% invece ha adottato strumenti come i rating di sostenibilità o ha redatto una Dichiarazione Non Finanziaria. Le Piccole imprese non possono rendersi più sostenibili senza impegno e sostegno pubblico.

Il Forum per la Finanza Sostenibile, in collaborazione con BVA Doxache, ha condotto la ricerca “PMI italiane e sostenibilità” con 477 aziende. Emerge che un’azienda su tre ritiene che integrare la sostenibilità tra i criteri che guidano le scelte strategiche contribuirà a uscire più rapidamente dalla crisi legata alla recente pandemia di Covid-19. I governi stanno investendo su questo fronte, ad esempio concedendo agevolazioni fiscali del 35%. Ne possono beneficiare le PMI in regime di contabilità ordinaria con almeno due bilanci approvati/depositati e appartenenti ad attività manifatturiere/sevizi alle imprese. Sono contributi a fondo perduto che devono essere utilizzati per progetti finalizzati all’ introduzione di tecnologie afferenti al piano Transizione 4.0; per la transizione dell’impresa verso il fenomeno dell’economia circolare; per il miglioramento della sostenibilità energetica dell’impresa, prevedendo un risparmio energetico non inferiore al 10% rispetto ai consumi dell’anno precedente.

Le spese ammissibili in particolare sono per l’acquisto di  macchinari, impianti e nuove attrezzature; la realizzazione di opere murarie (nei limiti del 40% del totale dei costi ammissibili); l’acquisizione di programmi informatici e licenze correlati all’utilizzo dei beni materiali finanziabili; l’acquisizione di certificazioni ambientali; servizi di consulenza diretti alla diagnosi energetica per progetti per il miglioramento della sostenibilità energetica dell’impresa.

Siamo ancora lontani dall’offrire alle PI la possibilità di adeguarsi e di investire in un business model e management più sostenibile ed economicamente accessibile. Oltre agli investimenti pubblici e ai finanziamenti a fondo perduto, risulta inoltre di fondamentale importanza la giusta informazione, per far comprendere che nel lungo termine la sostenibilità paga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su