Tassare il lavoro da casa: la proposta del report della Deutsche Bank

Il suggerimento del report della Deutsche Bank è di tassare del 5% il salario mensile di lavoratori dipendenti che, non essendo forzati a restare a casa per lavorare, scelgano comunque di farlo.

Le motivazioni sarebbero anche di giustizia sociale ed economica, sostengono gli autori del report. Il nostro sistema economico non è pronto ad affrontare un numero elevato di persone che si disconnettono dalla società del ‘faccia a faccia’. “Chi lavora da casa risparmia soldi e non li investe nel sistema economico. Non contribuisce all’infrastruttura dell’economia come fanno coloro che invece escono di casa per lavorare, pur ricevendone i benefici. Lavorando da casa infatti le persone non pagano i trasporti pubblici e non mangiano in ristoranti vicini agli uffici, che rimangono vuoti.”

Chi può fare WFH (work-from-home) ha dei benefici finanziari diretti e indiretti. Offre un risparmio economico su spese come viaggi, pranzi, vestiti, pulizie ecc. e dovrebbe essere tassato per facilitare il processo di transizione. Durante la pandemia infatti tantissimi lavoratori hanno cominciato a lavorare da casa, mentre gli uffici chiudevano nel tentativo di bloccare la diffusione di Covid-19. Tanti datori di lavoro hanno comunicato che permetteranno ad alcuni dipendenti di lavorare da casa in modo permanente, a tempo pieno o parziale .

Ci sono però altri milioni di persone che non hanno potuto e non possono lavorare da casa, come ad esempio infermieri ed operai. Secondo gli autori bisognerebbe tassare per aiutare a sostenere questi ruoli professionali. Non possono infatti svolgere il loro lavoro virtualmente e che durante la pandemia hanno visto minacciato il proprio sostentamento e salute.

La tassa del 5% equivarrebbe a circa 10 dollari al giorno su uno stipendio medio di 55.000 dollari negli Stati Uniti, e a circa 7 sterline al giorno sulla base di uno stipendio di 35.000 sterline nel Regno Unito. In quest’ultimo paese – secondo i calcoli della Deutsche Bank – la tassa genererebbe un fondo di 6,9 miliardi di sterline all’anno, che potrebbe erogare sussidi di 2.000 sterline all’anno ai lavoratori a basso reddito e a quelli a rischio di licenziamento. Inoltre l’aliquota fiscale del 5% non peggiorerà le condizioni dei lavoratori “casalinghi” rispetto a quelle che avrebbero avuto scegliendo di andare in ufficio.

La Deutsche Bank ha affermato che questa ricerca vuole stimolare il dibattito su una serie di argomenti importanti. L’idea di tassare è una politica interessante che i governi possono utilizzare per ridistribuire guadagni derivanti dalla pandemia inaspettatamente accumulati da alcune persone mentre altre ci hanno rimesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su